Tra spiagge, regole e futuro

Una bella, tosta, intensa, importante giornata che ricorderò. Un incontro senza filtri, a tratti muscolare e senza sconti ma leale, con una parte del mondo balneare riunito in assemblea per discutere del futuro di uno dei più importanti tasselli dell'economia turistica italiana. Per me.


La testa sotto la sabbia (del lido balneare)

Adesso dove sono tutti quelli che hanno mentito ai balneari dicendo che SICURAMENTE la proroga era valida? Anzi, che si poteva andare ben oltre il 2020, magari altri 30 anni?.

Dove sono tutti quelli, alcuni sindacati e politici, che hanno giocato e stanno giocando sulla pelle di 30mila aziende famigliari senza sviluppare un serio piano alternativo che garantisca la normale applicazione del diritto (non solo quello comunitario ma anche quello del buon senso), il rinnovo delle concessioni attraverso procedure di pubblica evidenza come avviene ovunque, salvaguardando gli investimenti fatti e la tipicità degli stabilimenti balneari italiani?


Quel dannato formalismo nella testa degli italiani

Si chiama Bibop G. Gresta ed è un ragazzo semplice e geniale, che la sera mangia in trattoria con amici conosciuti poche ore prima lasciando il cellulare spento e il giorno dopo vola a trattare con governi e presidenti. Chiaramente per realizzare un sogno doveva andarsene lontano dall'Italia e, grazie al cielo, ci sta riuscendo.


Scilipoti e gli altri

Non sono capaci a pronunciare "stepchild adoption". E tutti ridiamo. Anche io rido. E poi mi incazzo. Perché, per il posto che occupate non vi è concesso essere ignoranti. Invece lo siete, maledizione, quanto lo siete.


Il grande fotografo sandro botticelli

In uno dei suoi più famosi "scatti" inquadra una giovane donna che sta per essere coperta da una tenda. Il valore di una foto sta nell'esatto momento in cui si ferma l'immagine ed in ciò che rappresenta: in questo caso la bellezza che si esalta tenendo a distanza i veli della censura.